Whatsapp? Forse è arrivata la fine per SPAM da catene di Sant’Antonio e fake newser

Stanchi di ricevere fastidiosi messaggi di spam, fake news e catene di Sant’Antonio come non ci fosse un domani?

Non vi preoccupate. A breve potrebbe finire tutto ciò grazie al nuovo aggiornamento del nostro Messenger preferito.

Ammettiamolo! Tutti amiamo rimanere in contatto con i nostri cari e i nostri amici ma sotto sotto odiamo i gruppi.

Sono confusionari, non si capisce chi risponda chi a chi e molto spesso quello che viene scritto può essere mal interpretato.

Per non dimenticare oltretutto che spesso le notifiche vi distraggono inutilmente dal vostro lavoro comportando rallentamenti o peggio, errori.

La cosa peggiore sono le notifiche più fastidiose ovvero quelle inutili, come le catene di Sant’Antonio o le Fake News, che regolarmente sbufalate.

Ma tutto ciò potrebbe finire

 

Gli sviluppatori di WhatsApp, sempre al lavoro, hanno pensato ad una interessante soluzione.

Sembra che sia iniziato a comparire un avviso su alcuni messaggi, che informano l’utente del fatto che lo stesso messaggio è già stato inoltrato molte volte, suggerendone così, anche se indirettamente, la natura di spam.

Il messaggio comparirebbe sia alla ricezione che nel momento in cui l’utente sta per inoltrarlo ad altri contatti.

Al momento comunque un portavoce di WhatsApp, interpellato circa la veridicità di questi report ha rifiutato di commentare, segno evidentemente che la sperimentazione è ancora agli inizi e che l’azienda non ha deciso in via definitiva l’adozione di questa funzionalità, che ci auguriamo possa però arrivare presto.

Questa però non è l’unica novità.

 

Secondo WABetaInfo gli sviluppatori starebbero testando anche una funzione simile a quella già presente da tempo su Telegram, che consentirebbe di rintracciare velocemente tra i messaggi di un gruppo solo quelli che riguardano l’utente, in quanto citato direttamente.

In questo modo, chi è iscritto a gruppi particolarmente attivi e non ha voglia di leggere tutti i messaggi arretrati, potrà facilmente individuare quello o quelli di proprio interesse.

Rimaniamo in attesa di ulteriori sviluppi.

Share this post: